Linee sulle unghie: perchè compaiono?

INDICE

Introduzione

Le unghie sono annessi cutanei costituite essenzialmente da cheratina, presenti sulla faccia dorsale delle estremità delle dita di mani e piedi, aventi molteplici funzioni, ovvero:

  • Proteggono falangi e dei polpastrelli da traumatismi;
  • Funzione estetica;
  • Funzione di presa;
  • Data la ricca innervazione del letto ungueale, conferiscono maggior sensibilità alla dita.

L’unghia fa parte del cosiddetto apparato ungueale che comprende:

  • La piega ungueale prossimale;
  • Le pieghe ungueali laterali che circondano la lamina;
  • La lamina ungueale (l’unghia stessa);
  • La matrice (la struttura che produce l’unghia);
  • Il letto ungueale (dove poggia la lamina);
  • L’iponichio.

La velocità di crescita dell’unghia è di circa 0.1 mm al giorno a livello delle mani e di circa 0.05 mm al giorno a livello dei piedi. Pertanto, in caso di caduta di un’unghia, la sostituzione completa avverrà in 6 mesi per quelle delle mani ed in 1 anno per quelle dei piedi.

Anche se, quotidianamente l’unghia e le pliche dei tessuti periungueali vengono a contatto con molteplici agenti traumatici, irritativi ed infettivi. Esse possiedono una capacità di difesa anatomica e rigenerativa tale da ridurre al minimo il danno, ma l’alterazione di questo equilibrio può rappresentare un fattore di rischio e comportare alterazioni ungueali. Le nostre unghie possono rivelare molto sul nostro stato di salute, sulle condizioni di stress e su patologie conclamate che si manifestano anche attraverso alterazioni ungueali (es. malattie renali e tiroidee le quali possono causare anomalie ungueali). Un’anomalia comune è la presenza di linee verticali o orizzontali su una o più unghie, le quali, spesso risultano essere innocue.

cause linee sulle unghie

Quali sono le cause e i sintomi delle linee sulle unghie?

Le unghie sono produzioni cornee dell’epidermide, poste sulla faccia dorsale delle falangi distali delle dita di mani e piedi. Sono prerogative dei primati, oltre all’uomo, quindi, sono presenti soltanto nelle scimmie e nei lemuri. Essendo una produzione della cute, una condizione patologica della cute come l’eczema o l’anidrosi (cute secca) può portare a linee anomale sullo strato superficiale delle unghie. Inoltre, anche la carenza di proteine, calcio, zinco o vitamina A possono essere la causa della comparsa di linee sulle unghie. Quindi, patologie sistemiche, infezioni batteriche e/o micotiche, contatto diretto con detersivi e/o agenti chimici, traumatismi ripetuti, onicofagia (mangiarsi le unghie) e trattamenti cosmetici inappropriati, possono essere la causa di discromie, fragilità e/o microfratture a livello della lamina ungueale (unghia).

Le alterazioni dell’unghia possono manifestarsi attraverso linee presenti sulla superficie ungueale, su una o più unghie, e possono essere verticali oppure orizzontali.

Linee verticali

Le linee verticali, chiamate anche striature o bande longitudinali, sono solchi che vanno dalla punta dell’unghia fino alla cuticola. Le bande longitudinali sono frequenti nelle unghie degli anziani, probabilmente a causa di un rallentamento del turnover cellulare. Questo accade quando le nuove cellule della pelle prodotte sotto la superficie della pelle si sollevano per prendere il posto delle cellule morte che vengono scartate dalla superficie. In caso di altri sintomi come il cambiamento del colore o della consistenza delle unghie, potrebbe essere causato da una condizione patologica.

quali sono le cause delle linee sulle unghie

La comparsa di linee verticali a livello di una o più unghie, può attribuirsi a diverse patologie, tra cui:

  • La trachionichia: forma di onicopatia (patologia delle unghie) che colpisce tutte le unghie delle mani e dei piedi (distrofia delle venti unghie). Essa è caratterizzata dal cambiamento del colore delle unghie annesso ad un aspetto ruvido e/o fragilità ungueale. Diverse patologie sistemiche possono essere correlate a quest’alterazione: alopecia areata, lichen ruber planus, dermatite atopica e psoriasi.
  • Strie ungueali bianche trasversali (linee di Mees): possono comparire in corso di chemioterapia, intossicazione acuta da arsenico, neoplasie maligne, infarto del miocardio, intossicazione da tallio e da antimonio, fluorosi e anche in corso di terapia con etretinato. Queste linee non sono dovute a cambiamenti nel letto ungueale, ma sono una vera leuconichia e le unghie possono crescere normalmente se l’esposizione offensiva è stata rimossa.
  • Leuconichia striata: è la conseguenza di patologie che determinano un’alterata cheratinizzazione della matrice distale. La lamina ungueale presenta chiazze di colorito bianco opaco che corrispondono a focolai di cellule paracheratosiche situate a livello della sua porzione ventrale, determinando la presenza di linee longitudinali
  • Malattia di Darier: presenza di linee longitudinali rosse e bianche sull’unghia. In corrispondenza delle strie longitudinali bianche il margine distale della lamina presenta una piccola incisura.
  • Onicoressi: tale alterazione è frequente soprattutto nei soggetti anziani. L’unghia appare assottigliata e presenta striature e fissurazioni longitudinali.

Un’altra condizione che potrebbe causare la formazione di linee verticali e/o modifiche che le rendono concave o a cucchiaio è l’anemia da carenza di ferro. Inoltre, tra i tumori cancerosi che possono colpire l’unghia e manifestarsi attraverso una liea longitudinale troviamo il melanoma maligno. Tuttavia, quando i medici sospettano la presenza di cancro, eseguono immediatamente una biopsia.

onicopatia

Linee orizzontali

Diverse alterazioni della lamina determinano linee orizzontali. Tra queste abbiamo:

  • Linee di Beau: sono bande orizzontali profonde determinate da un trauma subito dalla matrice che ha causato un’interruzione permanente della produzione della lamina. Esse sono strie o solchi trasversali della lamina ungueale, che si spostano distalmente con la crescita dell’unghia. La profondità delle linee di Beau è correlata all’entità del danno che la matrice ha subito, mentre l’ampiezza delle linee indica la durata del danno. Esse sono spesso sintomi di una condizione grave e possono effettivamente arrestare la crescita delle unghie fino a quando la condizione sottostante non viene trattata. Le linee di Beau possono essere presenti in caso di malattia renale acuta.

Quando le linee di Beau si sviluppano su tutte le 20 unghie, potrebbe essere un sintomo di:

Parotite;

Malattia della tiroide;

Diabete;

Sifilide;

Chemioterapia.

  • Onicomadesi: Un grado più severo delle linee di Beau è rappresentato dall’onicomadesi caratterizzata dalla presenza di un solco longitudinale profondo in grado di dividere la lamina in due parti. A volte un trauma a livello ungueale potrebbe causare la formazione di macchie rosse o marroni sotto le unghie. Tuttavia, nel caso in cui si presentino macchie di colore marrone scuro, nero o rosso sotto le unghie, e non sono stati subiti traumi, potrebbero essere sintomo di una condizione patologica più grave, come l’endocardite o il melanoma.
  • Melanonichia striata: caratterizzata dalla comparsa di linee longitudinali iperpigmentate che vanno dal solco ungueale prossimale all’estremità distale libera dell’unghia (alla fine dell’unghia). L’attivazione dei melanociti può essere una normale variante fisiologica nelle persone con pelle più scura, ma può anche essere causata da altri fattori, tra cui abbiamo: traumatismi, gravidanza, malattia di Addison e altre malattie endocrine, infezioni, iperpigmentazione postinfiammatoria; tale alterazione può essere collegata anche all’assunzione di diversi farmaci.

cosa sono le linee sulle unghie

Quale è la diagnosi per le linee sulle unghie?

In caso di cambiamenti improvvisi delle unghie si deve consultare immediatamente un podologo. Tuttavia, in caso di alterazioni, sarà il professionista ad indagare sulla causa che possa aver provocato linee anomale della lamina ungueale (unghia) o di più lamine ungueali, tra cui potremmo avere:

  • Un taglio netto o irregolare attraverso l’unghia;
  • Traumatismi causati da corpi esterni;
  • Carenze vitaminiche;
  • Patologie sistemiche (Es. Psoriasi, eczema);
  • Tumori dell’unghia.

Il podologo avrà il compito di esaminare le unghie ed indagare su eventuali altri sintomi che il paziente sta riscontrando. Verranno consigliati esami di approfondimento come esami delle urine e del sangue, soprattutto in caso di sospette malattie renali, diabete o carenze nutrizionali.

Se la causa delle bande presenti sulle lamine non è chiara, potrebbe essere necessaria un’analisi di laboratorio delle stesse, per ricercare segni di infezione batterica e/o fungina (esame micologico). Inoltre, in caso di alterazione del colore della lamina sospette, il podologo indirizzerà il paziente dallo specialista di riferimento, ovvero il dermatologo, il quale se necessario eseguirà una biopsia per accertarsi della diagnosi o fare una diagnosi differenziale.

diagnosi linee sulle unghie

Quale è il trattamento per le per  le linee sulle unghie?

Poiché i solchi ungueali sono solitamente segni di altri stati patologici, il trattamento si concentra sulla causa sottostante.

Ad esempio, se hai sviluppato le linee di Beau a causa del diabete, un controllo glicemico più regolare può ridurre la presenza dei solchi orizzontali a livello ungueale.

Il trattamento, in caso di condizioni patologiche della cute, come l’eczema, può includere creme idratanti per le mani o unguenti topici per ridurre i sintomi. Se la causa delle alterazioni ungueale è caratterizzata da bassi livelli di minerali o vitamine, potrebbe essere indispensabile modificare la propria dieta o assumere integratori.

Mentre, in caso di alterazioni dell’unghia causate da infezioni batteriche e/o micotiche, sarà indispensabile l’applicazione di farmaci topici mirata a combattere l’agente patogeno causa di tale infezione.

Possiamo concludere dicendo che, il trattamento delle alterazioni della lamina è caratterizzato dalla gestione della causa che ha provocato la manifestazione di tali linee.

trattamento linee sulle unghie