Unghia incarnita (onicocriptosi): i consigli del podologo

INDICE

Segni clinici dell’onicocriptosi

Unghia incarnita (onicocriptosi): condizione patologica nella quale un frammento o una porzione di lamina (unghia) penetra nei tessuti molli adiacenti (valli ungueali).

I segni clinici dell’unghia incarnita (onicocriptosi) includono:

  • Dolore: la presenza di dolore soprattutto alla compressione e in stadi avanzati anche a riposo.
  • Infiammazione: presenza dei cinque segni caratteristici dell’infiammazione (rubor, dolor,calor, tumor e functio laesa).
  • Infezione: presenza di pus soprattutto in corrispondenza della parte incarnita.
  • Granuloma: la porzione di lamina (unghia) del vallo ungueale viene riconosciuta dal nostro organismo come un corpo estraneo, che rimanendo in loco cercherà di proteggersi circondandolo e isolandolo all’interno del granuloma.

Se presentate i segni ed il quadro clinico precedentemente descritto, rivolgetevi immediatamente ad un podologo.

unghia incarnita

Come appare l’unghia incarnita (onicocriptosi)?

Dopo che l’evento scatenante ha portato alla formazione di una spicula che penetra nei tessuti della piega laterale, si assiste ad una comparsa e ad uno sviluppo negativo graduale dei sintomi infiammatori, la cui entità permette di classificare l’unghia incarnita (onicocriptosi) in 3 stadi clinici di severità crescente:

  • Stadio I: la piega interessata laterale è eritematosa, edematosa e dolente in particolare alla palpazione. Il dolore è peggiorato dalle calzature e dalla deambulazione. In questo stadio per la guarigione sono sufficienti la rimozione della spicula ed il trattamento topico antiinfiammatorio.
  • Stadio II: l’infiammazione periunguale aumenta e compare una reazione granulomatosa con formazione di un granuloma piogenico emergente dalla piega laterale, che copre parte della lamina. Il granuloma piogenico è una proliferazione vascolare benigna che spesso si ulcera e sanguina. Il dolore è molto intenso. La terapia è chirurgica.

Granuloma piogenico: Si tratta di una patologia a comportamento benigno del tessuto vascolare normalmente presente nei processi riparativi della cute. È costituito clinicamente da una protuberanza di consistenza molle-elastica, aspetto più o meno rotondeggiante (nodulo), colorito rosso-vinoso, superficie liscia e fragile, facilmente sanguinante al minimo trauma, con bordi il più delle volte ben delimitati. Spesso è ricoperto da siero-croste irregolari. Si osserva frequentemente nelle donne in periodo gravidico a livello della mucosa gengivale.

come appare un'unghia incarnita

Negli altri casi si localizza principalmente a livello della cute delle mani, piedi, al volto e al cuoio capelluto.

Può essere provocato da traumi di varia entità, infezioni complicate da perdita di sostanza della cute, ed in genere nei casi di prolungamento eccessivo dei processi di riparazione tissutale per cause esterne o interne all’organismo. Il nome granuloma piogenico è composto dal termine granuloma che si riferisce ad una crescita che contiene cellule immunitarie e da piogenico che si riferisce al drenaggio di pus. I granulomi piogenici sono un sottotipo di granuloma e contengono vasi sanguigni invece di globuli bianchi e sanguinano invece di trasudare pus.

  • Stadio III: Col passar del tempo, il tessuto di granulazione del granuloma induce la proliferazione di epitelio epidermico, che lo ricopre. In questo stadio la lamina è in gran parte ricoperta di cute lucida, eritematosa ed edematosa, ed appare più stretta. La terapia è chirurgica.

Rendendolo visibile con delle immagini, troviamo:

PRIMO STADIO

L’unghia incarnita (onicocriptosi) ha inizio con un arrossamento della piega laterale, associato a dolore, soprattutto quando si cammina con le scarpe.

priomo stadio unghia incarnita

SECONDO STADIO

Se non trattata, l‘unghia incarnita (onicocriptosi) peggiora con aumento dell’infiammazione e comparsa di granuloma piogenico.

Il paziente, in questa fase, lamenterà una sensazione di forte dolore e la compromissione di attività quotidiane normalmente svolte dallo stesso.

secondo stadio unghia incarnita

TERZO STADIO

Nelle forme più gravi di unghia incarnita (onicocriptosi) l’infiammazione è molto importante e cresce dell’epitelio che tende a ricoprire l’unghia, che a volte appare come se avesse delle dimensioni ridotte perchè “sommersa” dalla cute infiammata e neoformata.

terzo stadio unghia incarnita

I 6 consigli del podologo

CONSIGLIO N.1

Evitare calzature a punta stretta.

cause unghia incarnita

CONSIGLIO N.2

Sono raccomandate calzature che permettono

una buona traspirazione, soprattutto in caso di

eccessiva sudorazione del piede.

rimedi unghia incarnita

CONSIGLIO N.3

Evitare di far macerare la pelle intorno all’unghia nei casi di eccessiva sudorazione (iperidrosi) ed usare prodotti specifici per limitare la sudorazione o evitare che l’ambiente umido favorisca la proliferazione di altri microrganismi patogeni ( SU CONSIGLIO DEL PODOLOGO).

come curare l'unghia incarnita

CONSIGLIO N.4

Evitare tagli impropri della lamina ungueale: il taglio errato della lamina rappresenta la prima causa di unghia incarnita

podologo

CONSIGLIO N.5

Arrotondare delicatamente i bordi distali dell’unghia con una lima di cartone, evitando di tagliare la porzione laterale con forbicine o tagliaunghie.

rimedi onicriptosi

CONSIGLIO N.6

Evitare di tagliare le unghie troppo corte.

cause onicriptosi