Infiammazione del Tendine di Achille o tendinite dell’Achille

INDICE

Introduzione

L’infiammazione del tendine di Achille o Tendinite dell’Achille è una condizione comune che si verifica quando il tendine grande che unisce i muscoli gastrocnemio e soleo, e che scorre lungo la parte posteriore della parte inferiore della gamba. Subisce continue sollecitazioni generando un sovraccarico funzionale di questo importante tendine.

L’infiammazione del tendine di Achille o Tendinite dell’Achille non è generalmente legata ad un evento traumatico, bensì ad una serie di attività che generano stress ripetuti di questa regione anatomica che possono essere legati ad un sovraccarico muscolare a carico dei polpacci, ad una variazione improvvisa della metodologia di allenamento o anche a possibile presenza di malattia di Haglund.

Il tendine di Achille è il tendine più grande del corpo. Esso collega i muscoli del polpaccio, i due muscoli gemelli e il muscolo soleo, all’osso del tallone e viene utilizzato quando si cammina, si corre, si sale le scale, si salta e una persona si trova in punta di piedi. Sebbene il tendine di Achille possa sopportare grandi sollecitazioni derivanti dalla corsa e dal salto, è anche soggetto a tendinite, una condizione associata ad un uso eccessivo e in casi gravi alla degenerazione da infiammazione del tendine di Achille.

infiammazione tendine d'achille

Che cosa è l’infiammazione del tendine di Achille o Tendinite dell’Achille?

Definendola in modo semplice, diremo che la tendinite è di fatto l’infiammazione di un tendine, non è altro che la risposta naturale del corpo a lesioni o malattie, e spesso questo può causare gonfiore, dolore o irritazione dello stesso tendine di Achille.

In questo articolo parleremo in modo specifico di infiammazione del tendine di Achille.

Esistono due tipi infiammazione del tendine di Achille o Tendinite dell’Achille, in base a quale parte del tendine è infiammata.

Le tipologie di infiammazione del tendine di Achille o Tendinite dell’Achille si dividono in:

  • Tendinite dell’Achille non inserzionale: nell’ infiammazione del tendine di Achille o Tendinite dell’Achille non inserzionale, le fibre nella porzione centrale del tendine hanno iniziato a rompersi con piccole lacerazioni (degenerative),a dilatarsi e ad ispessirsi. L’infiammazione del tendine di Achille o Tendinite dell’Achille della porzione centrale del tendine colpisce più comunemente le persone più giovani e attive.

 

  • Tendinite inserzionale dell’Achille: L’infiammazione del tendine di Achille o Tendinite dell’Achille inserzionale coinvolge la parte inferiore del tallone, esattamente dove il tendine si inserisce (inserzione) all’osso del tallone.

Sia nell’ infiammazione del tendine di Achille o Tendinite dell’Achille non inserzionale che in quella inserzionale, anche le fibre tendinee danneggiate possono calcificarsi (indurirsi). Gli speroni ossei (crescita ossea extra) si formano spesso con associata tendinite di Achille inserzionale.

L’infiammazione del tendine di Achille o Tendinite dell’Achille che colpisce l’inserzione del tendine di Achille può verificarsi in qualsiasi momento, anche in pazienti non attivi. Il più delle volte, tuttavia, deriva da anni di uso eccessivo, sportivi, corridori di lunga distanza, velocisti, saltatori ecc.

tendinite dell'achille

Quali sono le cause che generano un’infiammazione del tendine di Achille  o Tendinite dell’Achille?

L’infiammazione del tendine di Achille o Tendinite dell’Achille in genere non è correlata a una lesione specifica. Il problema, come precedentemente detto, deriva da uno stress ripetitivo al tendine. Questo accade generalmente quando spingiamo il nostro corpo a fare troppo, troppo presto, ma altri fattori possono aumentare le probabilità di sviluppare un’infiammazione del tendine di Achille o Tendinite dell’Achille, tra cui:

  • Aumento improvviso della quantità o dell’intensità dell’attività fisica, ad esempio aumentando la distanza percorsa ogni giorno di alcuni chilometri senza dare al corpo la possibilità di adattarsi alla nuova distanza.
  • Muscoli del polpaccio contratti: avere muscoli del polpaccio stretti e iniziare improvvisamente un programma di esercizi aggressivi può aumentare lo stress del tendine di Achille e generare un’infiammazione del tendine di Achille o Tendinite dell’Achille.
  • Sperone osseo: la crescita ossea extra in cui il tendine di Achille si attacca all’osso del tallone, può generare uno sfregamento contro il tendine e causare dolore e di conseguenza un’infiammazione del tendine di Achille o Tendinite dell’Achille.

INFIAMMAZIONE TENDINE

Come capire se ho un’infiammazione del tendine di Achille o Tendinite dell’Achille?

I sintomi comuni dell’infiammazione del tendine di Achille o Tendinite dell’Achille includono:

  • Dolore e rigidità lungo il tendine d’Achille in particolare al mattino;
  • Dolore lungo il tendine o alla parte posteriore del tallone che peggiora con l’attività sportiva;
  • Forte dolore il giorno dopo aver eseguito degli sforzi;
  • Ispessimento del tendine di Achille infiammato;
  • Sperone osseo con dolore in corrispondenza dell’inserzione del Tendine di Achille (tendinite inserzionale);
  • Gonfiore che è sempre presente e peggiora durante il giorno con l’attività.

Uno dei sintomi legati alla rottura del tendine di Achille è lo “schiocco” nella parte posteriore del polpaccio o del tallone, in questo caso il tendine di Achille si potrebbe essere rotto (strappato).

rottura tendine d'achille

Come diagnosticare un’infiammazione del tendine di Achille o Tendinite dell’Achille?

Dopo aver descritto i sintomi e discusso le preoccupazioni, lo Specialista esaminerà il piede e la caviglia. Il medico cercherà questi segni clinici per confermare la presenza di un’infiammazione del tendine di Achille o Tendinite dell’Achille:

  • Gonfiore lungo il tendine d’Achille o nella parte posteriore del tallone
  • Ispessimento o allargamento del tendine di Achille e dolore alla palpazione
  • Speroni ossei nella parte inferiore del tendine, più specificatamente nella parte posteriore del tallone (tendinite inserzionale)
  • Il punto di massima tensione e dolorabilità
  • Dolore al centro del tendine (tendinite non inserzionale)
  • Dolore nella parte posteriore del tallone nella parte inferiore del tendine (tendinite inserzionale)
  • Gamma limitata di movimento della caviglia, in particolare una ridotta capacità di flettere il piede.

tendinite

Quali sono i test e le indagini per capire se si tratta di un’infiammazione del tendine di Achille o Tendinite dell’Achille?

Lo Specialista può prescrivere degli esami diagnostici al fine di avere conferma della infiammazione del tendine di Achille o tendinite dell’Achille.

Gli esami che si possono richiedere sono i sequenti:

  • Raggi X o Radiografie

I raggi X forniscono immagini chiare delle ossa. I raggi X possono mostrare se la parte inferiore del tendine di Achille si è calcificata o si è indurita. Questa calcificazione indica un’infiammazione del tendine di Achille o Tendinite dell’Achille inserzionale. In caso di grave tendinite di Achille non inserzionale, può esserci calcificazione anche nella porzione centrale del tendine.

  • Risonanza magnetica per immagini (RM)

Sebbene la risonanza magnetica per immagini non sia necessaria per diagnosticare la tendinite dell’Achille, è importante per capire se sono presenti lesioni dello stesso Tendine di Achille per un’eventuale pianificazione chirurgica. Una scansione di risonanza magnetica può mostrare quanto sia grave il danno sul Tendine di Achille. Se è necessario un intervento chirurgico, lo specialista selezionerà la procedura in base all’entità del danno al tendine se necessaria.

Quali trattamenti chirurgici sono indicati per l’infiammazione del tendine di Achille o Tendinite dell’Achille?

Quando scegliere intervento chirurgico a causa di un’infiammazione del tendine d’Achille o tendinite dell’Achille?

La chirurgia dovrebbe essere presa in considerazione per alleviare l’ infiammazione del tendine d’Achille o tendinite dell’Achille solo se il dolore non migliora dopo 6 mesi di trattamento non chirurgico. Il tipo specifico di intervento chirurgico dipende dalla posizione della tendinite e dall’entità del danno al tendine di Achille. Ma vediamo insieme diversi trattamenti chirurgici:

  • Recessione gastrocnemio. Questo è un allungamento chirurgico dei muscoli del polpaccio (gastrocnemio). Poiché i muscoli del polpaccio tesi esercitano un maggiore stress sul tendine di Achille, questa procedura è utile per i pazienti che hanno ancora difficoltà a flettere il piede, nonostante lo stretching costante. Nella recessione gastrocnemio, uno dei due muscoli che compongono il polpaccio viene allungato per aumentare il movimento della caviglia. La procedura può essere eseguita con un’incisione tradizionale aperta o con un’incisione più piccola e un endoscopio, uno strumento che contiene una piccola telecamera. Il medico discuterà la procedura che meglio soddisfa le esigenze. I tassi di complicanze per la recessione del gastrocnemio sono bassi, ma possono includere danni ai nervi. La recessione gastrocnemio può essere eseguita con o senza sbrigliamento, che è la rimozione del tessuto danneggiato.
  • Débridement e riparazione viene eseguita se il tendine d’ Achille ha meno del 50% di danni. L’obiettivo di questa operazione è rimuovere la parte danneggiata del tendine d’Achille.

 

trattamento infiammzaizone tendine d'achille

Una volta rimossa la parte malsana del tendine, il tendine rimanente viene riparato con suture o punti per completare la riparazione. Nella tendinite dell’Achille inserzionale viene rimosso anche lo sperone osseo. La riparazione del tendine in questi casi può richiedere l’uso di ancoraggi in metallo o plastica per aiutare a trattenere il tendine di Achille all’osso del tallone, dove si inserisce.

Dopo lo sbrigliamento e la riparazione, alla maggior parte dei pazienti è consentito camminare con uno stivale rimovibile o un gesso entro 2 settimane, sebbene questo periodo dipenda dall’entità del danno al tendine.

  • Débridement con trasferimento del tendine viene eseguita se il tendine di Achille ha un danno maggiore del 50%. Nei casi in cui più del 50% del tendine di Achille non è sano e richiede la rimozione, la parte rimanente del tendine non è abbastanza forte per funzionare da sola. Per evitare che il tendine rimanente si rompa con l’attività, viene eseguito un trasferimento del tendine di Achille. Il tendine che aiuta l’alluce a puntare verso il basso viene spostato sull’osso del tallone per aggiungere forza al tendine danneggiato. Anche se questo sembra grave, l’alluce sarà ancora in grado di muoversi e la maggior parte dei pazienti non noterà alcun cambiamento nel modo in cui cammina o corre.

A seconda dell’entità del danno al tendine di Achille, alcuni pazienti potrebbero non essere in grado di tornare agli sport competitivi o alla corsa.

Recupero dopo intervento chirurgico di Riparazione del Tendine di Achille.

La maggior parte dei pazienti ha buoni risultati dalla chirurgia. Il fattore principale nel recupero chirurgico è la quantità di danno al tendine di Achille. Maggiore è la quantità di tendine di Achille coinvolto, più lungo è il periodo di recupero e meno è probabile che un paziente possa tornare all’attività sportiva in tempi veloci. Sottoporsi ad un trattamento Fisioterapico e Riabilitativo specifico permetterà un recupero migliore senza importanti complicanze post operatorie. Molti pazienti richiedono 12 mesi di riabilitazione prima di non avvertire più dolore.

Complicazioni.

Il dolore da moderato a grave dopo l’intervento chirurgico si osserva nel 20-30% dei pazienti ed è la complicanza più comune. Inoltre, può verificarsi un’infezione della ferita e l’infezione è molto difficile da trattare in questa posizione.

tendine

Infiammazione del tendine di Achille o Tendinite dell’Achille:

sai che l’80% delle persone guarisce con un trattamento conservativo?

Nella maggior parte dei casi un trattamento conservativo in seguito ad un’infiammazione del tendine di Achille o Tendinite dell’Achille forniranno sollievo dal dolore, anche se potrebbero essere necessari alcuni mesi prima che i sintomi scompaiano completamente. Anche con un trattamento precoce, il dolore può durare più di 3 mesi. Se il dolore è stato presente per diversi mesi prima di effettuare il trattamento, potrebbero essere necessari 6 mesi prima che i metodi di trattamento abbiano effetto. Di seguito vediamo le indicazioni per ridurre il dolore per infiammazione del tendine di Achille o Tendinite dell’Achille:

  • Riposo. Il primo passo per ridurre il dolore è diminuire o addirittura interrompere le attività che peggiorano il dolore. Se vengono eseguiti regolarmente esercizi ad alto impatto (come la corsa), passare ad attività a basso impatto metterà meno stress sul tendine di Achille. Le attività di cross training come la bicicletta, l’esercizio ellittico e il nuoto sono opzioni a basso impatto per aiutare il paziente a rimanere attivo.
  • Ghiaccio. Posizionare il ghiaccio sulla zona più dolorosa del tendine di Achille è utile e può essere fatto secondo necessità durante il giorno. Questo può essere fatto per un massimo di 20 minuti e dovrebbe essere interrotto prima se la pelle diventa insensibile. Una tazza di schiuma riempita d’acqua e poi congelata crea un semplice impacco di ghiaccio riutilizzabile. Dopo che l’acqua si è congelata nella tazza, strappare il bordo della tazza. Quindi strofinare il ghiaccio sul tendine d’Achille. Con l’uso ripetuto, apparirà un solco che si adatta al tendine d’Achille, creando un impacco di ghiaccio “su misura”.

tendinite dell'achille

Farmaci antinfiammatori non steroidei. Farmaci come l’ibuprofene e il naprossene riducono il dolore e il gonfiore. Tuttavia non riducono l’ispessimento del tendine degenerato. L’uso del farmaco per più di 1 mese dovrebbe essere esaminato con il medico di base.

  • Iniezioni di cortisone. Il cortisone, un tipo di steroide, è un potente farmaco antinfiammatorio. Le iniezioni di cortisone nel tendine di Achille sono raramente raccomandate perché possono causare la rottura (lacerazione) del tendine.
  • Scarpe di supporto e plantari. Il dolore della tendinite inserzionale di Achille è spesso aiutato da alcune scarpe e da dispositivi ortesici. Ad esempio, le scarpe più morbide nella parte posteriore del tallone possono ridurre l’irritazione dei tendini. Inoltre, le talloniere possono alleviare un po ‘di tensione al tendine. Le talloniere sono anche molto utili per i pazienti con tendinite inserzionale perché possono allontanare il tallone dalla parte posteriore della scarpa, dove può verificarsi uno sfregamento. Come un sollevamento del tallone, un manicotto d’Achille in silicone può ridurre l’irritazione dal retro di una scarpa.

Il trattamento conservativo più adeguato alla risoluzione dell’ infiammazione del tendine di Achille o Tendinite dell’Achille è la fisioterapia che, oltre ai precedenti punti volti principalmente alla riduzione della sintomatologia dolorosa e dell’infiammazione, mira a fare un lavoro specifico e direzionato alla causa che ha generato l’episodio infiammatorio.

La fisioterapia per infiammazione del tendine di Achille o Tendinite dell’Achille è intesa come applicazione di strumentazione specifica che andrà a lavorare da un punto di vista antinfiammatorio ed antalgico, ma

INFIAMMAZIONE AI TENDINI

plantari

soprattutto sul ripristino del corretto funzionamento biomeccanico articolare, sul ripristino dell’equilibrio muscolare e su un lavoro sul tono e trofismo che sia specifico e che abbia come fine ultimo la prevenzione di recidive.

Per quanto riguarda la fisioterapia strumentale, intesa come applicazione di macchinari di ultima generazione, i trattamenti più adatti per infiammazione del tendine di Achille o Tendinite dell’Achille sono i seguenti:

  • Laser Yag ad alta potenza, crioultrasuono, epte.. queste applicazioni strumentali sono volte alla riduzione dell’infiammazione e della sintomatologia dolorosa. Ciò significa che la terapia strumentale fisioterapica ha di fatto un effetto antalgico, antinfiammatorio e di rigenerazione dei tessuti danneggiati.
  • Manipolazioni fasciali e fibrolisi connettivale fasciale.
  • Onde d’urto. L’utilizzo delle onde d’urto è un metodo di trattamento per tendinopatie multiple che può essere utilizzato con ottimi risultati per il trattamento dell’ infiammazione del tendine di Achille o Tendinite dell’Achille. Questa è una tecnica di trattamento in cui i pazienti affetti da infiammazione del tendine di Achille o Tendinite dell’Achille, sono esposti a forti impulsi ondulatori meccanici che possono essere veicolati in una posizione anatomica molto precisa. L’analisi statistica della scala analogica visiva (VAS), e dei punteggi dei test di forza della presa senza dolore ha mostrato (sia al termine del ciclo di trattamento che al follow-up a 6 mesi) , una diminuzione del dolore e del deterioramento funzionale e un aumento della forza, nei pazienti affetti da infiammazione del tendine di Achille o Tendinite dell’Achille.
  • Frizioni trasversali profonde. Lo scopo del massaggio a frizione profonda è di mantenere la mobilità all’interno delle strutture dei tessuti molli. Sembra avere una funzione di sollievo dal dolore, grazie alla modulazione degli impulsi nocicettivi (teoria del controllo del cancello), un migliore allineamento delle fibrille del tessuto connettivo, ammorbidisce il tessuto cicatriziale e aumenta il flusso sanguigno.
  • Flossing therapy
  • Energia vibratoria in dinamica (Synergy Viss)
  • Rieducazione motoria specifica, consiste in un piano di attività fisiche progettato e prescritto per obiettivi terapeutici specifici. Il suo scopo è ripristinare la normale funzione muscolo-scheletrica o ridurre il dolore causato da malattie o lesioni. Forza, resistenza e mobilità dovrebbero essere migliorate con esercizi una volta che il dolore dovuto all’infiammazione del tendine di Achille o Tendinite dell’Achille sia diminuito.

La chirurgia sarà presa in considerazione se altre opzioni di trattamento non hanno funzionato. Il chirurgo può rimuovere il tessuto danneggiato. Possono anche rimuovere gli accumuli di tessuto cicatriziale o calcificazioni, che potrebbero esercitare pressione sul tendine.

cura tendine d'achille


È IMPORTANTE ESEGUIRE SEMPRE UN GIUSTO TRATTAMENTO FISIOTERAPICO E RIABILITATIVO, INFATTI LA FILOSOFIA DI CURA DEL NOSTRO CENTRO È SUDDIVISA IN 5 FASI, DANDO PARTICOLARE ATTENZIONE ALLA PROGRESSIONE DEI CARICHI E RIDUCENDO AL MINIMO EVENTUALI RICADUTE.

FASE 1 – Riduzione del dolore e dell’infiammazione

Gli obbiettivi di questa prima fase di lavoro sono la riduzione della sintomatologia dolorosa e del quadro infiammatorio instauratasi, nonchè la riduzione del gonfiore attraverso l’utilizzo di sofisticate tecnologie riabiltative.

trattamento fisioterapico

TRA LA FASE 1 E LA FASE 2 – Idrokinesi Terapia

Contemporaneamente alla Fase 1 e 2 è possibile effettuare sedute di IDROKINESI TERAPIA che risulta essere particolarmente efficace ai fini del recupero del movimento e della riduzione dell’ipomobilità (causata dalla sintomatologia dolorosa). Questa particolare metodica è basata sul movimento terapeutico in acqua, elemento che consente il rilassamento muscolare ed il sollievo del dolore, favorendo l’esecuzione dei movimenti e del corretto lavoro muscolare in assenza di gravità.

FASE 2 – Recupero dell’articolarità e della flessibilità

L’obbiettivo è quello di raggiungere il completo range di movimento di un’articolazione o il ripristino di un movimento specifico in assenza di dolore.

terapia tendine d'achille

TRA LA FASE 2 E LA FASE 3

Tra la Fase 2 e la Fase 3 della riabilitazione è consigliabile effettuare un trattamento Osteopatico ed iniziare un Programma di Riprogrammazione Posturologica per evitare qualsiasi incidenza di recidiva e qualsiasi alterazione posturologica.

riabilitazione

FASE 3 – Recupero della forza e della resistenza muscolare

L’obiettivo del terzo step è il ripristino della forza muscolare e il recupero della resistenza del paziente attraverso un protocollo di lavoro personalizzato.

resistenza muscolare

FASE 4 – Recupero della coordinazione

L’obiettivo di questa fase è il recupero della coordinazione e della completa percezione del corpo.

fisioterapia

FASE 5 – Ritorno allo Sport

L’obiettivo della quinta fase è, per la persona comune, il recupero delle normali gestualità della vita attiva, mentre per l’atleta il recupero del gesto tecnico sport specifico che dovrà essere eseguito con precisione.

come recuperare il tendine d'achille